In paradiso non c’è la cioccolata? Allora vado a Bruxelles!

0
28

Cari lettori, valigia pronta? Allacciate le cinture, voliamo a Bruxelles, punto nevralgico dell’Europa, sede del Parlamento europeo e patria della cioccolata più buona del mondo!

COME ARRIVARE: Ryanair collega l’aeroporto di Bari a quello di Charleroi; da lì il BrusselCityShuttle (ticket a/r 22€) vi accompagnerà alla Gare du Midi al cui interno troverete una stazione metro da cui partono le principali linee che collegano quasi tutta la città.

DOVE DORMIRE: Potrete trovare varie soluzioni economiche per soggiornare nella capitale belga cercando su siti come Booking.com le camere in offerta. Io ho trovato un ottimo rapporto qualità-prezzo alloggiando al Sunrise ApartHotel (Boulevard Leopold II 63): camere pulite dotate di angolo cottura, personale disponibile e colazione a buffet che migliora il risveglio! Ma soprattutto posizione strategica, sito difronte alla fermata della metro Ribacourt, in una zona non centralissima ma movimentata.

TRASPORTI: Se avete intenzione di muovervi con i mezzi pubblici come sempre la soluzione migliore è quella del ticket giornaliero che costa 6.50€ e vi permette di utilizzare indifferentemente metro, parametro e tram nelle 24ore successive al primo timbro. Comunque il consiglio è di camminare tanto a piedi: è una città grande ma che vale la pena di scoprire ed esplorare dai vicoli più stretti!

DOVE ANDARE: Simbolo di Bruxelles è il Manneken Pis, un bimbetto nudo scolpito da Dequesnoy che troverete dopo tre isolati a partire dalla Grand Place, sempre che non vi facciate distrarre e rapire dalle tante cioccolaterie che incontrerete! E a proposito di cioccolata non potrete non visitare il Musèe du Cacao in Rue de la Tête d’Or: i 5€ del ticket son ben spesi anche solo per gli assaggi di praline di fine dimostrazione che vi faranno sentire in paradiso! Volete continuare il percorso tra le produzioni dei sapori tipici belgi? Dirigetevi al Musèe Bruxellois de la Gueuze (Rue Gheude 56): è il birrificio attivo Cantillon, che vi mostrerà ogni step fino all’imbottigliamento della lambic che potrete degustare a fine visita. E poi visitate la Cathedral des Sts Michel e Gudule, il Parlamento europeo e il periferico Atomium che vanta una vista mozzafiato dall’ultimo piano.

COSA ASSAGGIARE: Lo spuntino preferito dei belgi, nonché il contorno perfetto per tutto sono le patatine fritte (frites) che accompagnano le cozze (moules), il coniglio glassato con le prugne (konijin met pruimen) o lo spezzatino alla birra. Fate un pranzo tipico a prezzi stracciati a ‘Le Petite Bedon’ (Petite rue des Bouchers): il titolare, di origini italiane, vi proporrà la soluzione migliore per assaggiare tutto e spendere poco! E poi ovviamente non potrete lasciare la città senza aver assaggiato un Gaufre che vi consiglio di farvi guarnire come veri bruxellesi: con solo sciroppo di zucchero, squisito!

Giuseppe Buono

© Riproduzione riservata