4 persone in manette a Capurso

0
48

“Hanno aggredito con calci, pugni e sassate una giovane prostituta rumena, rea di non aver ceduto al pagamento del “pizzo”, ma colti sul fatto sono finiti in carcere. È accaduto ieri a Capurso, dove i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto due prostitute rumene di 40 e 33 anni, nonché un connazionale 28enne e un albanese 30enne, tutti incensurati, accusati di tentata estorsione in concorso e lesioni personali. I fatti hanno avuto inizio qualche giorno addietro, quando in caserma si presentava una prostituta rumena 20enne,

riferendo di essere stata minacciata di morte da due giovani qualora non avesse consegnato loro 600 euro alla settimana, ovvero 150 al giorno, per poter “lavorare” indisturbata su quella strada (complanare della SS 100, agro di Capurso), atteso che a loro dire la sua presenza in quella zona stava creando problemi ad alcune sue “colleghe”. Il giorno successivo alla prima richiesta, invece, la ragazza veniva avvicinata dalle due donne, le quali le ribadivano il reclamo del denaro, minacciandola nuovamente di morte qualora non avesse adempiuto. Le indagini avviate dai carabinieri hanno permesso d’individuare le due donne, presentatesi sul luogo in cui vi era la ragazza, le quali, dopo averla nuovamente minacciata ed ottenuta risposta negativa, sono passate alle vie di fatto, aggredendola con calci e pugni sferrati all’impazzata. Ciononostante, la vittima è riuscita a sottrarsi alla morsa delle due “colleghe”, dandosi alla fuga nei campi circostanti, ma le due, pur di bloccarla, non hanno esitato a lanciarle contro dei massi raccolti per strada, colpendola ad una gamba. Fermatasi per il dolore, la vittima è stata raggiunta e daccapo aggredita. A questo punto i carabinieri, appostatisi in zona, sono usciti allo scoperto e hanno bloccato le due straniere, traendole in arresto ed evitando conseguenze peggiori per la malcapitata. Ulteriori accertamenti hanno permesso d’identificare poco più tardi anche i due uomini, peraltro riconosciuti dalla vittima, che sono stati tratti in arresto e poi associati al carcere di Bari, su disposizione impartita dalla locale Procura della Repubblica”.

Arrestati a Capurso due prostitute e due uomini che hanno minacciato di morte una giovane rumena. La donna, infatti, qualche giorno prima si era recata in caserma dai carabinieri denunciando l’aggressione verbale da parte di due uomini che le chiedevano di pagare il posto sulla complanare della SS.100 dove la stessa si recava a “lavorare”. Il tutto è stato enfatizzato da due “colleghe” che l’hanno nuovamente minacciata di morte perché disturbava la loro clientela. Dopo essere stata malmenata, i carabinieri, appostati nella zona, sono intervenuti arrestando le due donne e identificando, successivamente, i due uomini.

Elena De Natale

© Riproduzione Riservata