La Speedy Runners a Corsamare 2017

0
35

Si è tenuta domenica 5 febbraio 2017, la gara regionale di corsa su strada, organizzata dalla A.S.D. Atletica Polignano con la collaborazione della FIDAL Federazione Italiana di Atletica Leggera, patrocinata dal Comune di Polignano a Mare.

 

 

La manifestazione podistica, giunta alla VIII edizione, è inserita nel calendario regionale valido come I prova del circuito II Trofeo Terra di Bari” che in questa edizione coinvolgerà anche “Capurso in corsa”.

Alle 8.30, a disposizione del Presidente Vito Cassano, una Speedy quasi al completo presente al raduno per il ritiro dei pettorali in piazza Aldo Moro.
Il clima è piuttosto insolito per essere a febbraio, con una temperatura media sui 16° C e il sole a fare capolino tra le nuvole per regalare agli astanti qualche gioco di colore con i suoi riflessi in mare.
Impeccabile l’organizzazione e le misure di sicurezza garantite durante tutto il percorso grazie all’impiego di Forze dell’Ordine, Associazione di Volontariato e personale della Protezione Civile.

Dopo un breve riscaldamento lungo il ponte che scavalca la spiaggetta di “Cala Porto” sulla lama Monachile, alle 9.30, atteso il terzo sparo di cannone, i quasi mille partecipanti danno il via alla registrazione del tempo di gara avviando la competizione.
I primi km si sviluppano lungo la scogliera a strapiombo immersa nel “blu dipinto di blu” dell’Adriatico, dal quale si leva una impercettibile brezza marina ad accarezzare i volti dei podisti diretti ad attraversare il suggestivo dedalo di viuzze, vicoli e piazzette del centro storico, per poi riprendere il percorso a sud della città uscendo dall’arco Marchesale.

In questa cornice dove i sensi sono appagati dalla sensazione di pace, scorrono agevolmente le prime falcate di metà gara. Le difficoltà cominciano al km 5, il tracciato diventa sterrato con qualche tratto sabbioso, in cui si alternano salite e discese che culminano a “Cala Paura” dove i podisti devono affrontare le scalinate e l’ultima grande salita finale.
Lo sforzo fisico diventa intenso, il dispendio di energia e la stanchezza si fanno sentire al materializzarsi della statua di Domenico Modugno, che intorno al VII km, spalanca le braccia per salutare gli atleti, invitandoli a “Volare” nella sua città natale per l’ultimo tratto di gara.
Accolto l’invito, siamo nuovamente sul litorale a correre ammirando l’acqua limpida e cristallina, più volte bandiera blu, che ospita nel suo patrimonio naturalistico-marino “la grotta Palazzese” regina di tutte le grotte.
Dall’altra parte della Puglia, sulla costa occidentale salentina bagnata dalle acque dello Ionio, in simultanea a Polignano, nella Gallipoli capitale del turismo estivo, la vice presidente “Speedy” Emma Caputo è in gara per la 21 km accompagnata dai fratelli Procino.
Questi ultimi, “capursesi doc” hanno onorato i colori sociali, con un tempo straordinario, giungendo al traguardo dopo un’ora e venti minuti di mezza maratona.
Tornando a Polignano invece, dopo appena 42 minuti di gara, giungono all’arrivo della “Corsamare” i primi Speedy Runners: Vito Ricci, Raffaele Mongelli, Gianluca Marchionna, seguiti via via dal resto del gruppo pronto a ritrovarsi nuovamente in piazza Moro.
Le classifiche elaborate dai giudici Fidal, con i relativi tempi di gara è possibile consultarle e analizzarle sul sito www.fidalpuglia.it/master.htm per verificare le singole attestazioni.
Il dato giornalisticamente più rilevante è che la Speedy esiste, è una società sana, un grande gruppo di donne e uomini unito e coeso che in questa prima gara vince l’VIII posto in classifica delle società partecipanti, gratificando l’impegno di tutti i soci.
Questa grande famiglia sportiva, dopo un dolcetto e un caffè, si è data appuntamento domenica prossima a Bari per la imperdibile “Running Heart” (corsa del Cuore), organizzata, nell’ambito della 7a Campagna Nazionale della Fondazione “Per il Tuo cuore – HCF Onlus”, dai cardiologi italiani.
Noi saremo lì a tifare Speedy, vieni anche tu, ti aspettiamo!

Redazione

(foto di Antonia Annoscia – Podisti.net)

© Riproduzione riservata