Welcome back, Gianlugi Mazzilli

0
18

Il forte pivot capursese, torna alla corte di Squillace.

 

 

“Ritorno di fiamma” tra Gianluigi Mazzilli e la Futsal Capurso?
Gianlugi Mazzilli: Non voglio chiamarlo un ritorno perché quest’anno anche se non sono stato presente fisicamente, ero sempre con la Futsal Capurso e la squadra e’ consapevole di questo. E’ come se non fossi mai andato via, ed ero sempre il primo a chiamare per sapere il risultato e ad informarmi in settimana di come stavamo i miei amici. Sono felice di tornare e di dare il mio contributo a questa splendida famiglia.
Esperienza importante in B a Mola ed una promozione in A2 mancata per un soffio…
Gianlugi Mazzilli: E’ stata una grande annata, inaspettata per certi versi. Non ci aspettavamo di arrivare fin li, ad un passo dalla serie A2. Questo risultato è stato frutto di un gruppo meraviglioso e compatto e di una grande società.
Cosa si porta insieme da Mola, Mazzilli?
Gianlugi Mazzilli: E’passato un solo anno ma sento di essere maturato parecchio . Ho imparato moltissimo grazie ad un grande allenatore come mister Di Bari. Credo di essere molto migliorato sotto tutti gli aspetti, sia sul punto di vista tattico che mentale preparando le partite allenandomi al 100 %. Ho imparato tanto da ogni singolo giocatore e dirigente ma non voglio fare nomi perchè per me sono stati davvero tutti importanti.
Mazzilli e Gravina primi due colpi della Futsal Capurso in vista della prossima stagione. Si può pensare in grande?
Gianlugi Mazzilli: Sono molto contento che Gianni, sarà uno di noi. E’ un giocatore importante per la nostra squadra, uno di quelli che “ti cambia le partite”. Da questa stagione mi aspetto molto e sono sicuro che ci toglieremo delle soddisfazioni, forse e’ una pecca del mio carattere ma non temo nessuno. Sogno il “triplete”.
La prossima stagione sarà l’anno di…………
Gianlugi Mazzilli:
Sarà l’anno della Futsal Capurso, ne sono sicuro, e dei suoi tifosi. Spero che quest’anno la gente di Capurso ci segua come non mai perchè tutti insieme possiamo sognare e poi se cosi come sembra è in arrivo la tensostruttura, non hanno più alibi. Un abbraccio a tutti, in particolare alla mia ragazza, Serena, che è la mia prima tifosa e mi sostiene sempre, specie nei momenti più difficili.

Giuseppe Lonero

© Riproduzione Riservata