F.C. Capurso – Ultrattivi Altamura 0-3

0
46

Il Capurso, domenica 26 gennaio affronta gli Ultrattivi in cerca di una vittoria che potrebbe facilitare non poco il compito dei Granata. Mister Chiodo schiera in porta Galeone, il quartetto di difesa è formato da Brindisi, Salamina, De Santis e Lopello, a centrocampo Sedicina, Chiodo, Paglionico e Consalvo con Zagaria e Turitto in avanti. L’Altamura schiera Quaratino, Di Lerma Luigi, Ragone, Lorusso, Centrone,  Manicone, Maino, Basile, Caputo Davide, Caputo Leonardo, Di Lerma Filippo.

Dopo un inizio di partita abbastanza lento e noioso, che ha visto le due squadre studiarsi senza mai pungersi, prova Chiodo a far vibrare le corde dei tifosi granata, accorsi anche oggi allo stadio per seguire i propri giocatori, con una botta dalla distanza; la palla si abbassa ma Quaratino è abile nel deviare la traiettoria in corner. Questa l’unica emozione di un primo tempo abbastanza spezzettato, con poche giocate degne di nota e con qualche fuorigioco più o meno corretto fischiato dal direttore di gara. Il secondo tempo si apre con l’espulsione di Salamina per un tocco di mano in area di rigore. Sul dischetto va Basile che si vede parare il penalty da una superba intuizione di Galeone, che toglie la palla dall’angolino basso. Dopo la battuta della massima punizione, l’arbitro espelle anche Turitto per motivi a noi non chiari. Al 13° ancora Basile si invola verso Galeone, entra in area e lascia partire un tiro troppo debole per impensierire il portiere granata. Subito dopo, Centrone fa il vuoto sulla sinistra e mette in mezzo per Basile, il fantasista Altamurano stavolta non può fallire l’occasione e si prende la rivincita sul rigore parato. Al 22° il Capurso prova a farsi vedere in avanti. Consalvo scheggia il palo con una precisa punizione non entrata per questione di millimetri. Al minuto 33 raddoppiano gli ospiti con Filippo Di Lerma che serve a Caputo l’assist per il facile 2-0. I padroni di casa reagiscono con orgoglio. Ancora Consalvo risulta essere il più pericoloso dei granata, l’ala capursese trova un tiro-cross salvato sulla linea da Ragone. Al minuto 38 è facile per l’Altamura siglare il 3-0 con Caputo, ad equilibri ormai saltati per via della doppia superiorità numerica. Match deciso da un arbitraggio quantomeno rivedibile, per usare un eufemismo, e da un Capurso che in parità numerica avrebbe dovuto e potuto sfruttare la propria tecnica e tenacia per portare a casa tre punti importanti in ottica play-off, sogno per nulla svanito.

Giuseppe Delmedico

© Riproduzione riservata