Michele Chiodo è il nuovo allenatore della Football Club Capurso

0
46

“L’A.S.D.Football Club Capurso ringrazia Adriano Terlizzi per il grande impegno profuso e per aver portato la nostra società alla vittoria finale del campionato di Terza Categoria. Gli auguriamo le migliori fortune, con la speranza che le nostre strade possano un giorno incrociarsi nuovamente.” Con queste parole la proprietà granata ringrazia mister Terlizzi e apre un nuovo ciclo con la guida tecnica che passa tra le mani di un nuovo rampollo della panchina: Michele Chiodo.

L’ex ala sinistra con un passato calcistico di tutto rispetto (Eccellenza a Japigia, e diverse stagioni in giro tra Mola, Noicattaro, Rutigliano ed ovviamente Capurso) inizia un percorso nuovo provando a riportare i colori granata nelle categorie che più gli appartengono. Lo abbiami incontrato e intervistato per tutti voi.

Quando è maturata la decisione di allenare la Football Club Capurso?

E’ un idea maturata quando, nonostante qualche richiesta ho preferito Capurso per essere utile alla causa essendo il mio paese. Sono contento della scelta fatta. Speriamo di creare tutti insieme entusiasmo e di fare un buon lavoro.

Cosa ti affascina del nuovo progetto?

Mi affascina l’idea di ritrovare vecchi amici e ritornare finalmente a casa, nel nostro stadio dopo tanti anni.

A chi ti ispiri?

Ammiro molto Conte e Ventura, il loro giocare bene e come fanno giocare bene gli esterni.

Chi è il tuo maestro?

Non ne ho uno in particolare. Diciamo che ho cercato di apprendere il meglio da quelli che ho avuto.

Conosci molto elementi della squadra. Da chi si riparte?

Conosco più di qualche elemento. Si riparte da loro, dallo zoccolo duro della passata stagione.

Chi arriverà e in che ruoli?

Non sarà facile ma si spera di poter fare qualche acquisto. Per il momento credo un difensore di esperienza, un paio di esterni ed una punta.

Aspettative?

Essendo una neopromossa l’obiettivo è portare a casa sicuramente la salvezza … poi si vedrà… possiamo toglierci qualche soddisfazione.

Giuseppe Lonero

© Riproduzione riservata