Le pagelle della Futsal Capurso

0
61

Imperiale Roberto: 9 – Ancora una stagione straordinaria. Si conferma ad altissimi livelli. Fa ammattire Corona fermandolo due volte sui tiri liberi, eccellente a Ruvo ed Altamura in campionato, diventa il super eroe della semifinale play off contro la Futsal Margherita, parando di tutto. Soddisfazione incredibile alla fine del campionato è il portiere più votato da tutti gli allenatori e capitani della Serie C1 (tutti i dati ufficiali dello speciale Top Futsal potrete trovarli on line su capursowebtv.it e futsalcapurso.it). The Wall.

Mazzilli Gianluigi: 9 – Si fa male De Giosa, ed il peso offensivo della squadra ricade quasi totalmente su di lui. Il “bimbo” da quel momento in poi si scatena e chiude vincendo la classifica marcatori con 57 reti (59 se calcoliamo i 2 contro l’Aiace Conversano). Lui è sempre il più discusso. Nel bene e nel male è sempre un top. Segna contro chiunque e sfodera la sua migliore prestazione stagionale contro la capolista Virtus dove mostra tutto il suo potenziale. A completare la sua grande stagione, l’essere votato, pivot ideale nella top futsal dei mister e dei capitani. Se mantiene la testa giusta, il suo futuro sarà grandioso. Uragano.

Gravina Gianni: 8 – Pronti via, ed un brutto infortunio gli costa 2 mesi di stop. Sarà forse un caso, ma appena rientra la squadra comincia a vincere e non si ferma più. Riesce ad essere decisivo anche quando gioca una partita normale. Dare palla a lui significa metterla in cassaforte. Grande giocatore, di categoria superiore, cala un po’ nel finale. Da ricordare le perle contro la Virtus e la Futsal Margherita. Illusionista.

Biacino Giacomo: 7,5 – Una scommessa vinta. Under di belle speranza, passa dal calcio a 11 al calcio a 5 senza subire il minimo contraccolpo, dimostrando che quando uno è bravo può giocare ovunque. Umile, silenzioso, ne farà di strada. Promessa.

Lillo Piero: 7,5 – Per metà stagione si carica la squadra sulla spalle e deve cantare e portare la croce, viste le assenze e le difficoltà di inizio stagione. Quando rientrano gli altri tira un po’ il fiato,facendosi trovare pronto nella battaglia contro la Futsal Margherita, dove è fondamentale. Uomo di esperienza, e calciatore tra i più importanti dentro e fuori dal campo per la crescita di questa squadra. Pitbull.

Recchia Giampiero: 7,5 – All’inizio del campionato è davvero in grande difficoltà, e ci mette una decina di partite per carburare. Inizia a dare segni di risveglio nella trasferta di Taranto contro il Torre Rossa. Da lì, finalmente, il “Comm” inizia a dare il suo contributo alla causa. La sua esperienza ed il suo giro palla diventano importanti per la scalata in classifica. Ragioniere.

Albanese Luca: 6,5 – Non è determinante come la passata stagione, anche perché non sta benissimo. Si sacrifica per la squadra e chiude bene arrivando in doppia cifra (11 reti). Elemento prezioso vista la sua giovane età per il futuro. Utile.

Carbonara Michele: 6,5 – Parte piano, ma viene fuori alla distanza molto bene, dove torna a giocare ai suoi livelli. Molto positive le sue prove con la Virtus e l’Aiace Conversano. Nonostante giochi più lontano dalla porta rispetto al passato, comunque 6 goal all’attivo che portano punti decisivi. Prezioso.

Rossi Antonio: 6,5 – Il capitano dal cuore immenso. Stagione travagliata con diversi infortuni che ne limitano sempre più il rendimento. Appena può dà ampiamente il suo contributo e regala i tre punti preziosi a pochi minuti dalla fine nel delicato match casalingo con l’Effe.Gi.Castellana. Sempre più nel progetto, a Gennaio prende la guida dell’under 18. Cuor di Leone.

Squeo Marco: 6,5 – Non sta bene e si vede. Ha un potenziale enorme ma non può metterlo in mostra per via di troppi infortuni. Da il meglio di se ad Adelfia contro l’amico Iurino, dove oltre ad una partita perfetta si concede il lusso di aprire il match prendendosi la responsabilità di calciare il rigore che indirizza la gara. Spice boy.

Squeo Massimo: 6,5 – Torna in campo dopo tempo, e pian piano trova sempre più spazio nei pensieri di mister Squillace. Lui è una del bandiere della Futsal Capurso, e potrà dare ancora molto alla causa. Trova un gran goal contro l’Alberto in campionato e solo il palo gli nega la gioia della rete nel momento più delicato della semifinale contro la Futsal Margherita. Bentornato.

De Giosa Claudio: s.v. – Sfortunato. Inizia la stagione in non perfette condizioni fisiche e contro il Real Foggia si fa male sul serio. Infortunio che gli costa la stagione. Bomber di razza e grande presenza nello spogliatoio. La sue giocate, i suoi goal e la sua esperienza ci sono mancate. Leader.

Squillace Savio & Squeo Giulio: 9 – Loro sono il “Progetto”. Credono nella loro creatura, e portano avanti il discorso con tutto il loro entusiasmo ed i loro sacrifici. Se oggi il calcio a 5 a Capurso è una realtà importante, grande merito è il loro. In tre anni raccolgono: promozione in C1 al primo tentativo, vittoria in Coppa Italia nel secondo anno, e quasi serie B nel terzo. Parlano i risultati. Complimenti. Special two.

Un grande ringraziamento anche a Francesco Zotti ed agli under di belle speranze Davide Caputo, Francesco Lorusso e Carlo Di Leo, sempre pronti a dare il contributo alla causa. Per Lorusso la soddisfazione del goal contro il Real Foggia e della convocazione e la disputa, con la rappresentativa Pugliese della serie C, al torneo delle regioni. Per Di Leo la gioia del goal all’esordio contro l’Atletico Noicattaro. Inoltre un grande plauso a tutta la società: al presidente Mario Pontrelli, al direttore generale Vito Ricci, al direttore sportivo Giacomo Trofeo ed al lavoro degli infaticabili Gerry Belviso, Giovanni Rusconi, Michele Di Cosola e Franco Pistolato.

Giuseppe Lonero

© Riproduzione Riservata