Una grande famiglia, la Futsal Capurso

0
36

Giulio Squeo e la Futsal Capurso, la sua seconda pelle….

Chi è Giulio Squeo?

G.S. : Giulio Squeo è un ragazzo di 33 anni che nel tempo libero si diverte ad allenare un gruppo di ragazzi che hanno voglia di divertirsi. Una grande famiglia, la Futsal Capurso.

Sei l’ombra del mister. Quando nasce il binomio Squillace – Squeo?

G.S. : Tra me e Savio, c’è una amicizia che nasce più o meno 25 anni fa, basata sulla correttezza, lealtà e rispetto reciproco. Se così non fosse non ne staremmo parlando. Posso dire che passo più tempo con lui che con la mia famiglia. Inoltre lavoriamo insieme. Siamo quasi fratelli.Quali sono le difficoltà del tuo lavoro?

G.S. : Difficoltà poche. La voglia di divertirsi è tanta, ed i ragazzi ti seguono in quello che fai ed hanno voglia. Certo sarebbe bello potersi allenare in una struttura chiusa come fanno quasi tutte le altre squadre della serie c1. L’inverno è lungo , freddo e piovoso, e prepararsi all’esterno comporta molti più rischi.

Quali squadre andranno ai play off?

G.S. : La nostra squadra sicuramente deve arrivare a giocarsi i playoff. È doveroso farlo, i ragazzi devono riuscirci, per una soddisfazione loro principalmente. A mio parere le squadre che ci arriveranno sono : San Rocco Ruvo – Futsal Margherita – Futsal Capurso ed una tra Adelfia in Movimento – Aiace Conversano e Alberto c5. Lì saremo tutti allo stesso livello. Partite secche, sono tutte finali.  Anche se…. la Futsal Capurso al completo ha già dimostrato con Ruvo e Rutigliano di poter battere chiunque.

Il tuo Top Futsal del campionato senza inserire giocatori della nostra squadra?

G.S. : Sinceramente, ci sono tanti bravi giocatori nella categoria , ma non mi chiedere una Top Futsal senza i nostri ragazzi. Per me loro, ti ripeto, se vogliono possono essere i più bravi, anche singolarmente.

Tre persone della Futsal che hai nel cuore…

G.S. : Anche questa domanda mi mette in difficoltà, perché noi (io e Savio) siamo legati a tutti i calciatori che sono con noi dalla c2 (Marco Squeo – Massimo Squeo – Luca Albanese –  Michele Carbonara ….), ma se proprio devo dirti tre nomi dico:Imperiale e Rossi (il capitano) perché senza di loro la Futsal Capurso non potrebbe esistere… Il terzo nome, forse ti sorprenderà, è Gianluigi Mazzilli, perché nonostante i “lecca lecca” di cui ogni tanto ha bisogno, è sempre il primo ad arrivare al campo e l’ultimo ad andarsene (dimostrando un grandissimo attaccamento alla maglia) e perché rappresenta insieme ad altri il futuro di questo sport a Capurso, visto che ha solo 22 anni.

Cosa vedi nel futuro della Futsal Capurso?

G.S. : Il futuro onestamente lo vedo con qualche nube per questa squadra. Finché non ci sarà il palazzetto e qualcuno che vorrà darci una mano in maniera concreta, non si potrà ambire a qualcosa di più grande. Tanto per capirci, se non hai la struttura la serie “B” non puoi farla.

Qual e il momento di maggiore esaltazione e quello più brutto in questa tua avventura?

G.S. : E’ facile dirti che la vittoria della coppa l’anno scorso è stato il momento più bello. I momenti di sconforto possono esserci ma, è sempre uno sport e nella vita ci sono cose ben più importanti a cui pensare.

Chi vorresti ringraziare?

G.S. : Vorrei ringraziare, e non sono parole di circostanza, tutte le persone che ci seguono anche nelle trasferte più lunghe. Parlo di gente come Michele Di Cosola , Gianni Rusconi e voi di Capurso Web Tv nella tua persona soprattutto. Poi anche tutti coloro che sembra non ci siano ma, che comunque in maniera diversa ci danno il loro supporto. Parlo di Vito Ricci, Mario Pontrelli (il presidente) e del nostro grande Jerry, sempre a disposizione. Grazie di tutto…

Giuseppe Lonero

© Riproduzione Riservata