29.2 C
Capurso
domenica, Luglio 14, 2024
spot_img
HomeCultura e SpettacoloIntervista doppiaRossana Rignani e Francesco Guerra a confronto

Rossana Rignani e Francesco Guerra a confronto

Published on

spot_img

Nella nuova puntata abbiamo messo a confronto Rossana Rignani (segretario PD di Capurso) e Francesco Guerra (segretario reggente PDL di Capurso).

Nome

R.: Rossana Rignani.

F.: Francesco Guerra.

Età

R.: 45.

F.: 42.

Titolo di studio

R.: Laurea.

F.: Diploma.

Professione

R.: Avvocato.

F.: Collaboro con l’impresa di famiglia.

La cosa più bella della politica

R.: La passione e l’amore per la cosa pubblica.

F.: Sono d’accordo…la passione. Occorrerebbe articolare il pensiero ma la passione sembra un’ottima sintesi.

Come mai ti sei avvicinato alla politica

R.: Una casualità e poi come tutte le cose della vita che accadono per caso possono diventare una parte importante dell’esistenza.

F.: Ci sono stati diversi passaggi. Il primo è stato di tipo culturale, culturale e amicale con i Cattolici Popolari dell’Università, poi ci sono stati passaggi che mi hanno avvicinato alla militanza nel senso stretto del termine, che è quello di aver partecipato al Movimento Giovanile del CDL Puglia, sarebbero i Cristiani Democratici per le Libertà di Raffaele Fitto, che nel ’98/’99 fondava il suo Movimento. Questa partecipazione al Movimento Giovanile del CDL è durata un anno. Dopo, io ho aderito al Movimento Giovanile di Forza Italia, e Fitto aderì ufficialmente a Forza Italia, candidandosi alla Regione nel 2000.

Il programma tv politico che preferisci

R.: Agorà.

F.: L’hanno tolto per la verità…preferivo tanto Radio Londra di Giuliano Ferrara.

Dai un giudizio personale sull’amministrazione comunale

R.: Io non mi sono nascosta su questo punto. Credo che anche questa amministrazione manchi di un progetto, nel senso che mi sembra che si stia portando avanti un ragionamento che è più che altro di parvenza che di sostanza. Per entrare nel dettaglio, tutti i problemi seri del paese, la gestione dello stadio, l’immondizia, il famoso Cinema ENAL sono lì come dei cadaveri e tali restano. Per quanto riguarda i ragionamenti sulla pressione fiscale stesso fatto. Abbiamo avuto una lunga discussione sull’IMU e sul fatto che hanno aumentato la tassa tanto sulle case popolari quanto per le imprese. Vorrei sapere se quest’amministrazione è di destra o di sinistra, qual è l’obiettivo, qual è quello di breve periodo e qual è quello di lungo periodo. E soprattutto se almeno uno dei problemi che il paese ha, visto che stamattina c’erano cani randagi che scorazzavano per Piazza Castello e mangiavano dall’immondizia, verrà affrontato con una certa serietà.

F.: Sono d’accordo anch’io sul fatto che manchi una strategia generale,complessiva. Mi sembra che ci siano dei problemi che siano sotto gli occhi di tutti come il problema dei rifiuti che a quanto pare sembra che si siano cacciati in un cul-de-sac. Io spero tanto per i cittadini capursesi che se ne possa uscire e spero anche si possa far chiarezza sulle responsabilità visto che c’è anche un contenzioso con l’azienda appaltatrice, poi le versioni sono contrastanti. Io mi auguro e auspico che venga fuori con chiarezza di chi siano le responsabilità.

A tuo avviso cosa è stato fatto e cosa si può fare ancora per Capurso

R.: Io sono dell’idea che intanto bisognerebbe ricominciare ad occuparsi dell’ordinarietà, parlo di una gestione equilibrata della spesa pubblica sia ordinaria che straordinaria. E poi mi piacerebbe che almeno uno dei progetti che da anni si portano avanti per il paese venga realizzato. Devo segnalare che Capurso non è più quella che era, c’è tantissima gente che si è trasferita da Bari e abita qui e non trova in questa dimensione un punto d’incontro che può essere il Palazzetto dello Sport, come un cinema, come un qualunque punto di aggregazione che non risponda più ai criteri di un tempo che erano la Piazza e altre cose simili. Per cui un progetto serio per un paese che voglia anche inglobare questa fetta di popolazione che qui viene solo a dormire, mi sembra una delle prime cose che debba essere realizzata come macrosistema. Il microsistema è tutto sotto gli occhi, mi sembra che non ci sia un gran funzionamento di niente.

F.: Bisogna partire da una strategia generale che miri allo sviluppo economico. Il marketing va pure bene per portare il nome di Capurso al di fuori della comunità ma questo non deve essere autoreferenziale, deve essere inquadrato in una strategia più complessiva.

Chi vincerà le prossime elezioni

R.: Il PD.

F.: Io ho già dato la risposta. Non vincerà nessuno e dopo il voto si faranno i veri giochi.

Pressione fiscale nel nostro comune. A tuo avviso è stato fatto il possibile per non gravare sulle tasche dei cittadini?

R.: Io francamente non solo sono preoccupata della pressione fiscale che c’è adesso, sono preoccupata di quella che verrà, soprattutto perché con i problemi che stiamo avendo in materia di recupero dei rifiuti mi immagino un aumento della TARSU esponenziale.

F.: Secondo me si poteva fare ben altro per tenerla al di sotto del livello in cui siamo.

Destra o sinistra?

R.: Sinistra, rosso (indicando il telo alle spalle), sinistra.

F.: Non sono così manicheo, cioè il bianco e il nero non mi piacciono, mi piacciono le sfumature. Io direi destra sicuramente, ma che parte dal centro e che guarda verso destra. E’ troppo riduttivo dire destra, diciamo centrodestra, perché il centro non credo sia una prerogativa della parte che sta opposta al Terzo Polo, potrebbe essere una prerogativa del centrodestra.

Quale avversario politico capursese vorresti dalla tua parte

R.: Gioacchino Carella.

F.: Non si può dire così su due piedi, bisogna ragionarci sopra seriamente, perché poi uno può prevedere come ragiona un’altra persona, però poi scoprire che non era come aveva previsto. E’ meglio ragionarci sopra e non ‘buttarla’ così su due piedi.

Un pensiero sulle manifestazioni culturali organizzate nel nostro comune

R.: Io ho ampiamente detto su questa cosa, credo che i soldi che si spendono in manifestazioni siano esagerati rispetto al bilancio comunale di Capurso. Mi è stato detto che siamo contro la cultura ma così non è. Credo che un comune che ha un bilancio come il nostro dovrebbe stare ben attento a come spende i propri danari considerato tutto il resto. E quindi ritengo che, per altro, alcune manifestazioni potrebbero essere ridotte o gestite diversamente. Francamente non so quanta di questa roba sia poi vera e propria cultura o sia altro.

F.: La cultura va bene, però bisognerebbe vedere anche il bilancio e se non sia il caso di far risparmiare qualcosa a livello di tassazione e spendere qualcosa in meno in qualche spettacolo che ha un riscontro elitario, non dico per tutte le manifestazioni, per alcune si potrebbe fare una selezione più oculata.

Cosa pensi si può fare per dare nuova linfa a Capurso

R.: Tutto, mi sembra che si possa fare tutto.

F.: Più dialogo.

Un tuo pensiero su Capurso Web Tv

R.: Un bello strumento di comunicazione. Comunque è la voce del paese, quindi mi sembra un’ottima cosa!

F.: Grande!

Mandate un messaggio ai nostri cittadini capursesi

R.: Lamentatevi di ciò che è sotto i vostri occhi e provate a vivere di più il paese dal punto di vista amministrativo.

F.: Intendevo mandare lo stesso messaggio, cioè di non prendere la realtà per quella che è, in maniera rassegnata ma pretendere di più, pretendere le cose più giuste, cioè essere più pretenziosi dalla politica e non prendere le cose così come arrivano. Informarsi meglio e ragionarci di più.

Fate un saluto ai nostri spettatori

R.: Arrivederci popolazione capursese.

F.: Ciao!

Teresa Campobasso

© Riproduzione Riservata

 

Latest articles

Consiglio Comunale di Capurso del 28 dicembre 2023

In esclusiva in differita i lavori del Consiglio Comunale di Capurso.

Consiglio Comunale del 22 novembre 2023

In esclusiva in differita i lavori del Consiglio Comunale di Capurso.

Consiglio Comunale di Capurso del 13 ottobre 2023

In esclusiva in differita i lavori del Consiglio Comunale di Capurso.

Consiglio Comunale di Capurso del 25 settembre 2023

In esclusiva in differita i lavori del Consiglio Comunale di Capurso.

More like this

Gino Fumai e Carlo Capobianco a confronto

In questo numero abbiamo voluto mettere a confronto, nella nostra consueta “Intervista Doppia”, Biagio Fumai detto Gino, neo Assessore alle Opere pubbliche, manutenzioni, fondi strutturali e innovazione tecnologica del gruppo Capursopuntoeacapo e Carlo Capobianco, consigliere di opposizione del gruppo Capurso nel Cuore. Quest’ultimo però ha rifiutato il nostro invito e pertanto pubblichiamo qui di seguito la sola intervista a Fumai, che al momento delle riprese era ignaro della decisione di Capobianco.

Nome?

Gino

Cognome?

Fumai

Età?

59

Professione?

Geometra, impiegato presso l'Acquedotto Pugliese.

Giuseppe Squillace e Stella Losuriello a confronto

Nella quarta puntata abbiamo messo a confronto Giuseppe Squillace (consigliere comunale di opposizione appartenente al gruppo "Capurso nel Cuore") e Stella Losurielloa (Assessore ai Servizi Sociali, gruppo "Capursopuntoeacapo"). Quest'ultima purtroppo, pur avendo registrato l'intervista, non ha concesso l'autorizzazione alla pubblicazione della stessa, per motivazioni non imputabili alla redazione di Capurso Web Tv.

Johnny Calabrese e Michele Laricchia a confronto

Nella terza puntata abbiamo messo a confronto Johnny Calabrese (consigliere comunale di opposizione appartenente al gruppo "Capurso nel Cuore") e Michele Laricchia (Assessore alle Politiche culturali, per lo Sport e Marketing territoriale, gruppo "Capursopuntoeacapo").