Futsal Capurso – Azetium Rutigliano

0
54

Doveva essere spettacolo, e cosi è stato. Lo scontro Ferdinelli – Mazzilli, Gravina – Corona, il rientro di Piero Lillo e il duello a distanza tra Imperiale e Troiani hanno regalato le emozioni che tutti si aspettavano al centro sportivo Sport Five. Alla fine, nel palpitante rush finale è la Futsal Capurso a portare a casa i tre punti vincendo per 4 a 1. Mister Squillace un po’ a sorpresa sceglie di mandare dal 1° minuto in panchina contemporaneamente sia Gravina che Lillo, schierando tra i pali Imperiale (capitano) , Biacino centrale di difesa, Recchia e Marco Squeo laterali e Mazzilli pivot. Dell’Edera, invece, complice l’indisponibilità di Genco, sceglie di inserire l’under (Mineccia) in mezzo al campo per poter mandare in porta Troiani. Completano lo start five Corona, Ferdinelli e Rocco Rizzi. Arbitrano l’incontro i signori Nobile e Cipriani delle sezioni di Foggia e Taranto.

Pronti via e Mazzilli al 3° ruba palla a centrocampo, s’invola verso Troiani ma la sua conclusione termina a lato di pochissimo. Ancora il 10  “ bulldog” va via in dribbling un minuto più tardi ed effettua un tiro cross che però non trova la pronta deviazione di Marco Squeo. L’Azetium risponde al 10 con Corona, che dopo un inizio timido, servito da Rizzi con una conclusione prova a scuotere la sua squadra, ma Imperiale si fa trovare pronto. Al 18 tiro libero per fallo su Ferdinelli. Sul dischetto va Corona che però si fa ipnotizzare due volte da Imperiale. Sul corner successivo però il bomber rutiglianese è lesto, ad approfittare di un grande suggerimento di Ferdinelli, e realizza il vantaggio ospite. La reazione dei padroni di casa è veemente e dopo una serie di tentativi pareggia con Gravina che servito da Marco Squeo, in girata realizza la rete che chiude la prima frazione. Inizia la ripresa con una punizione al limite dell’aria per i padroni di casa. Gravina tocca per Mazzilli che colpisce il palo. Risponde in contropiede l’Azetium con Ferdinelli che impegna severamente Imperiale, autore di una parata superba. Due minuti più tardi ancora Mazzilli protagonista, procurandosi un calcio di rigore. Il “bimbo” spiazza Troiani ma è ancora il palo a dirgli di no. Potrebbe rifarsi il nostro pivot lanciato a rete da Recchia ma Troiani è superlativo e salva il risultato deviando in angolo. Sul corner è ancora Mazzilli a fallire di testa da pochi passi. Il duello continua ancora al 12 quando il nostro numero 10 salta Rocco Rizzi e si fa deviare la conclusione in angolo. Il pomeriggio di Mazzilli sembra stregato quando al 20, Troiani gli nega il goal uscendo tempestivamente.  Il bomber non si dà per vinto e due minuti più tardiruba palla ad un difensore avversario e va segnare un eurogoal che vale il vantaggio dei padroni di casa e che va a pareggiare Ferdinelli nella classifica marcatori. Potrebbe chiudere la gara Gravina al 24, ma il mancino di Modugno non arriva in tempo sul servizio di Lillo. L’errore potrebbe costare caro perché nell’azione successiva i direttori di gara si “inventano” un fallo su Ferdinelli che vale il tiro libero di Corona. Il numero 7 ospite è in giornata no e colpisce la traversa e sulla ribattuta si fa deviare in angolo la conclusione da Imperiale. Il nostro capitano è immenso prima nel fermare Rizzi che calcia a botta sicura su azione di angolo e poi nell’ipnotizzare Ferdinelli da pochi passi. Sono parate che valgono tre punti. Nel momento di massimo sforzo ospite, infatti Marco Squeo in ripartenza serve intelligentemente Albanese che da posizione comoda realizza il 3 a 1. Lo stesso centravanti sfrutta una grave indecisione di De Filippis che qualche minuto prima aveva sostituito per la regola dell’under Troiani, e realizza il 4 a 1 che vale il game over. Ottava vittoria consecutiva, dunque, per i “bulldog” che continuano a sognare e che proveranno a portare avanti questo filotto anche nel derby di sabato prossimo ad Adelfia, nella giornata in cui, complice anche la sfida di Ruvo tra il San Rocco e la capolista Virtus Rutigliano, si potranno già iniziare a sentenziare alcuni verdetti. Forza Ragazzi…

 

Giuseppe Lonero

© Riproduzione riservata