Ai cittadini capursesi diamo… le brioche. Il comunicato stampa del Pd Capurso

0
19

Abbiamo ricevuto in redazione, al pari di altre testate locali, e pubblichiamo per diritto di cronaca e informazione un comunicato stampa a firma del PD Capurso.

Comunicato stampa

Ai cittadini capursesi diamo… le brioche!

Ancora una volta, ci si vede costretti a denunciare la leggerezza con cui l’amministrazione di Capurso spende i soldi della comunità!

Probabilmente con l’intento di emulare le gesta del Re Sole, l’amministrazione del Sindaco Crudele non bada a spese per rallegrare i suoi cittadini. Peccato che in questo momento ai cittadini vengano incrementate le tasse!

Nel 2010 sono stati destinati ben €. 82.358,36 e nel 2011 €. 116.264,20 a manifestazioni culturali, sportive e non.

L’esito di questi eventi, atteso l’enormità del budget stanziato non poteva che essere definitivo.

Le somme destinate a feste, festicciole, mercati e concertini è assolutamente spropositata ove si consideri che i Comuni limitrofi di pari e/o maggiore densità abitativa non riservano a tali voci del bilancio somme superiori ai 30.000,00-40.000,00 euro. Capurso, da quando è in gestione “Punto e a Capo”,  ha speso il triplo della media provinciale e molto più quanto sia mai stato speso prima.

Le manifestazioni sono numerose e super pubblicizzate, ma ciò che maggiormente colpisce è come i rapporti tra le associazioni che le promuovono e gli amministratori comunali siano…stretti!

L’esempio più lampante ce lo offre Multiculturita, che ha come referente il signor Giacomo Santorsola (titolare della tipografia Squeo, “monomandataria” per la stampa di tutti i manifesti ed i volantini di Capurso) e come direttore artistico, onnipresente sul palco delle in occasione degli eventi, l’Assessore alla cultura Michele Laricchia. Ma non è difficile riscontrare in più circostanze, tra le associazioni ed il Comune,  rapporti amicali, parentali e vecchie amicizie politiche

Gli amministratori comunali di Capurso, pertanto, anziché elegantemente dimettersi da ruoli che potrebbero configurare un conflitto di interessi, o, semplicemente, potrebbero far sorgere  dubbi sulla linearità delle scelte effettuate, preferiscono utilizzare i danari comunali per auto-finanziare i loro giocattolini.

Si tratta di una vera e propria  campagna elettorale permanente, effettuata alle spalle della cittadinanza e con l’uso di favoritismi da seconda repubblica.

Multiculturita, ad esempio, ha ottenuto dalle casse comunali, nel 2011, un contributo di € 4.000,00, per eventi che, tuttavia, sono stati a pagamento. In buona sostanza non solo ha percepito un tributo a fondo perduto, ma ha anche venduto i biglietti delle manifestazioni.

Ancor più sorprendente è, in ogni caso, l’assoluta spregiudicatezza di tali spese. La gestione delle casse comunali non è dissimile dalla gestione di un menage familiare. Le entrate e le uscite devono essere in equilibrio e “lo stipendio”, che nel caso del Comune è dato dal gettito fiscale, è sempre quello. Se si spende per le feste si sottrae ad altro. Preoccupante, al riguardo è la riduzione dei “risparmi” comunali : l’avanzo di amministrazione è passato da oltre un milione di euro a circa quattrocentomila euro. Questa amministrazione ha, evidentemente, deciso che non farà investimenti. Tutto l’apparato statale è in fase di ridimensionamento, si riducono le spese di cancelleria, si tagliano stipendi e dimezzano i buoni pasto: Capurso, invece, sembra il paese dei balocchi! La preoccupazione di chi  teme per il futuro proprio e della propria comunità cresce.

I problemi reali di Capurso, quali la sporcizia, le buche stradali, il declino del centro storico sono rimasti immutati…probabilmente si pensa che utilizzando i fumogeni la gente non li veda.

Il Circolo del PD di Capurso