Scuola: il "doppio" corso musicale è realtà per Capurso

0
74

In questi giorni si era diffusa la notizia che dal prossimo anno scolastico il corso musicale già istituito in passato presso la Scuola Gennaro Venisti (sede centrale), sarebbe stato spostato dal prossimo anno alla sede succursale di Via Magliano, a seguito della riorganizzazione in Istituti Comprensivi operata per uniformarsi alla vigente normativa regionale.

A dire il vero la notizia era fondata, in virtù di un primo provvedimento preso dal Provveditore agli Studi Dott. Lacoppola. Sono seguite delle proteste da parte di alcuni genitori che manifestavano il proprio dissenso a tale decisione. Sono stati interessati gli organi politici di maggioranza e opposizione che hanno affrontato la questione; a seguito di ciò il Sindaco Francesco Crudele ha scritto una lettera ufficiale al Dirigente dell’Ambito Territoriale per la Prov. di Bari Dott. Giovanni Lacoppola, e per conoscenza all’Ass. Regionale alla Pubblica Istruzione On. Alba Sasso, nonchè ai Dirigenti Scolastici territoriali e all’Ufficio Scolastico per la regione Puglia, che pubblichiamo qui di seguito.

 

Preg.mo Provveditore,

Come Lei sa, da qualche anno a Capurso, è attivo il corso sperimentale ad orientamento musicale.

L’introduzione dello studio dello strumento musicale ha creato sul territorio grandissime aspettative da parte degli studenti, dei genitori e della comunità stessa. Sono noti i successi che ogni anno i ragazzi della scuola secondaria di primo grado “Gennaro Venisti” conseguono partecipando ai vari concorsi. Questo ha rappresentato e continuerà a rappresentare motivo di grande orgoglio per la nostra Capurso.

Le è oltremodo noto che, la Giunta Comunale di Capurso, così come richiesto dal Ministero dell’Istruzione, nel mese di novembre 2011 ha provveduto a proporre l’istituzione di due Istituti Comprensivi, concertando unanimemente tale scelta con i dirigenti e gli organi collegiali scolastici presenti sul territorio. La scelta è stata dettata dall’opportunità di scongiurare l’istituzione di un unico istituto comprensivo di 1500 studenti, che, se pur previsto dal piano di dimensionamento scolastico nazionale, l’amministrazione comunale e la comunità scolastica capursese ha sempre ritenuta penalizzante ai fini di una eccellente offerta formativa per il territorio, oltre alla oggettiva difficoltà per un unico dirigente di poter efficacemente gestire ben 8 plessi scolastici.

Il risultato è stato il parere favorevole da parte dell’Ufficio Scolastico Regionale e l’approvazione definitiva della Giunta Regionale, senza alcuna riserva, della proposta della Giunta Comunale di Capurso.

Per il nostro paese questa è stata una vittoria, anche in considerazione dell’ampia pianificazione che ha portato a tale scelta di dimensionamento.

Ma veniamo ai fatti di oggi. Come ben sa, da tempo la nostra comunità è in fermento per la scelta dell’ Istituto Comprensivo “in capo” a cui far “incardinare” il corso musicale. Si è discusso moltissimo, lei gentilmente ha ricevuto delegazioni di genitori, dirigenti scolastici ed istituzioni locali. Per la questione sono finanche stati interpellate l’assessore regionale alla pubblica istruzione on. Alba Sasso e il dirigente reggente dell’ufficio scolastico regionale.

Alla fine si sarebbe deciso. Il corso musicale sarà annesso al comprensivo in cui sarà assorbita la sede succursale della scuola Venisti. Questa sua decisione, in realtà, modifica quanto già deciso nel mese di aprile, in cui si era individuata la sede centrale come destinataria del corso sperimentale. A tal fine Lei indica un parere dell’ass. regionale Alba Sasso come utile riferimento per la scelta definitiva.

Una prima considerazione, ma credo fondamentale. Il “caso Capurso” è davvero “sui generis” e difficilmente governabile interpretando quanto disposto nella delibera di giunta regionale n. 221 del 7/2/2012: “gli indirizzi musicali già funzionanti presso scuole secondarie 1° grado oggetto di dimensionamento restano confermati in capo alle medesime scuole”.

Un secondo aspetto, ulteriormente vitale. I due Istituti Comprensivi devono vivere per sempre e non sopravvivere solo un paio d’anni. La scelta ultima di assegnare il musicale ad una scuola anziché ad un’altra, rappresenterebbe un rischio, non indifferente, di sbilanciare il numero degli iscritti a scapito della soglia di sopravvivenza individuata nelle 600 iscrizioni.

Ritengo, pertanto, per evitare discriminazioni e penalizzazioni per il nostro territorio, al fine di garantire quella equità nell’offerta formativa che tanto la nostra comunità rivendica, che Capurso meriti una particolare attenzione, data anche la complessità del caso e che venga istituito un SECONDO CORSO AD ORIENTAMENTO MUSICALE presso la sede che ne resta vacante!

Sono certo che la sensibilità verso il nostro paese che Lei non ha mai mancato di evidenziare, trovi anche in questo caso posto nelle sue delicate decisioni.

Distinti saluti.

Il Sindaco

Francesco Crudele

 

Non si è fatta attendere la risposta del Provveditore Lacoppola che di fatto ha ribaltato la sua precedente decisione istituendo in entrambi i plessi un corso musicale. Ce ne da comunicazione ufficiale il Dirigente Scolastico del I Circolo Didattico “San Giovanni Bosco” Francesco Tesoro, attraverso una comunicazione ufficiale che pubblichiamo qui di seguito integralmente.

 

Una buona notizia per il nascente Istituto Comprensivo San G. Bosco-Venisti di Capurso.

Dopo alterne comunicazioni in cui si assegnava e poi si revocava l’attribuzione del corso ad indirizzo musicale a questo Istituto, finalmente la lieta conferma che rasserena le famiglie e gli studenti della scuola secondaria di 1° grado sede centrale.

Per il prossimo anno scolastico questi ultimi potranno usufruire di una offerta formativa più ampia con  il corso ad indirizzo musicale, definitivamente assegnato dall’Ufficio Scolastico  ambito territoriale di Bari di concerto con U.S.R.  Puglia, che prevede le specialità strumentali di pianoforte, violino, tromba e chitarra.

Cordiali saluti

Il Dirigente Scolastico

F.to Prof. Francesco Tesoro

 

Giuseppe Buono

© Riproduzione riservata