Intervista a Checco Consalvo

0
57

Checco Consalvo bandiera dell’A. S. D. Capurso. Parlaci della tua esperienza in maglia granata.

Era l’estate del 2008 e Mimmo Ronchi mi venne a trovare ai campetti per propormi la maglia granata e la nuova avventura, con l’intento di non far morire il calcio a Capurso. Accettai subito di buon grado e da quel giorno per primo, ho sposato la causa, e lotto tuttora per la maglia che indosso. Sono passati quattro anni e mi sono tolto grandi soddisfazioni.

La stagione in corso sta regalando grosse emozioni. Dove può arrivare questa squadra?

Siamo partiti per salvarci ed a tre giornate dal termine siamo in piena zona play–off, nonostante i numerosi infortuni. Io per primo sono ancora ai box per via di una lussazione alla spalla. Quindi è un campionato sicuramente straordinario quello che abbiamo realizzato sinora e spero che i miei compagni mi regalino l’opportunità di giocare i play–off.

Hai dei ringraziamenti da fare?

Io voglio ringraziare Mimmo Pepe, sua moglie Angela e soprattutto il presidente Vincenzo Biancofiore e mio padre Raffaele Consalvo, che giorno per giorno fanno tanto per questa maglia e per lo stadio comunale, non facendoci mancare mai nulla. Ringrazio inoltre il mister, i miei compagni e la dirigenza. E inoltre invito tutti i tifosi a partire da Domenica 15 Aprile contro la capolista Nuova Montalbano a venire allo stadio per sostenerci.

Giuseppe Lonero

© Riproduzione Riservata