Inaugurata a Capurso la sezione di “Italia in Comune”

0
394

Questa sera a Capurso è stata inaugurata la sezione cittadina del partito politico “Italia in Comune”.

Il partito, fondato da Federico Pizzarotti il 16 aprile 2018, s’ispira ai principi della Costituzione repubblicana e della Carta dei diritti fondamentali dell’ Unione europea. Particolare attenzione è posta alle autonomie locali così come richiamate dall’articolo quinto della Costituzione che recita: “La Repubblica, una e indivisibile, riconosce e promuove le autonomie locali; attua nei servizi che dipendono dallo Stato il più ampio decentramento amministrativo; adegua i principi ed i metodi della sua legislazione alle esigenze dell’autonomia e del decentramento”. La politica è l’arte di coniugare la visione ideale con il mondo del realizzabile. In questo modello politico le comunità sono protagoniste.

La serata ha visto la presenza di un cospicuo numero di cittadini che hanno seguito attentamente gli interessanti interventi dei relatori, primo tra tutti il sindaco di Capurso Francesco Crudele che, dopo aver fatto gli onori di casa e spiegato le motivazioni della sua adesione al partito, ha passato la parola all’ex prefetto di Bari e presidente regionale e vice presidente della giunta regionale Antonio Nunziante che ha dichiarato: “la prima cosa che ho imparato é quella di non prendere in giro la gente. È questo é il mio DNA… Porto la mia esperienza ed un messaggio molto importante: non abbiamo da invidiare nulla a nessuno non si tratta di autoreferezialità ma di autostima del nostro territorio. Ho aderito ad una realtà civica che si allarga in tutta Italia perché dobbiamo ricordarci che noi dipendiamo dall’Europa che diventa un momento di confronto perché non possiamo e non dobbiamo chiuderci in una cerchia ristretta“. A seguire hanno portato la loro esperienza Davide Carlucci, vice coordinatore regionale e sindaco di Acquaviva; Giuseppe Nitti, coordinatore provinciale per Bari e sindaco di Casamassima; Tommaso De Palma, presidente provinciale per Bari e sindaco di Giovinazzo e Antonio Donatelli, sindaco di Triggiano.

A concludere gli interventi Michele Abbaticchio, vicecoordinatore nazionale e sindaco di Bitonto che ha dichiarato:”Oggi Francesco Crudele sta avviando una corsa che non finisce con la fine del mandato ma continua con Italia in Comune e ringrazio la comunità di Capurso per averci consegnato un sindaco dinamico. Siamo partiti con tanto entusiasmo e l’importante é fare una bella figura non con gli altri ma con noi stessi. Noi sappiamo bene quanto valgono le nostre comunità ma le risorse non sono mai state adeguate alle nostre necessità eppure la Puglia vera é quella dei paesi che resistono e che vengono legati all’eccellenza dei prodotti. Sono fiero di rappresentare l’Italia più povera sotto il profilo finanziario ma più forte e che resiste sempre e comunque: un’ Italia in Comune”

La nostra redazione ha avuto il piacere di intervistare il dott. Francesco Crudele e il dott. Michele Abbaticchio:

Elena De Natale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here