Francesco Crudele, Sindaco di Capurso, aderisce a “Italia in Comune”

0
838

Nella serata di ieri è comparso sulla pagina Facebook del primo cittadino un video in cui, in compagnia del Sindaco di Bitonto Michele Abbaticchio, Crudele ha ufficializzato l’iscrizione al nuovo soggetto politico “Italia in Comune”, il cui intento degli aderenti è farlo diventare presto un punto di riferimento nel panorama politico nazionale.

Nel video Abbaticchio dichiara: “Italia in Comune mette la quarta e speriamo poi di mettere la quinta tra poco tempo: si iscrive al partito un amico, un grande amministratore locale ma anche un grande politico, Francesco Crudele Sindaco di Capurso. Ne sono particolarmente felice perché sono legato a quella comunità, abbiamo fatto tante cose insieme, tante iniziative. E mi sembrava anche naturale che fossimo qui insieme a lavorare per questo bellissimo progetto”. Gli fa eco lo stesso Crudele: “Io sono felicissimo. Quando Michele mi ha proposto questo progetto, essendo io convintamente civico, non potevo non sposare questa causa. Sono convinto che da oggi, per quanto mi riguarda comincia un percorso veramente molto ambizioso. La famiglia è una bella famiglia, faremo grandi cose insieme, i progetti sono molto ambiziosi. Ci mettiamo a lavorare, e del resto in questi anni abbiamo dimostrato di saper fare qualcosa nei nostri territori, per cui questa è la garanzia per i nostri cittadini, per i nostri potenziali elettori, per coloro i quali ci vorranno dare fiducia. Andiamo avanti così e spero che ci sia sempre un miglioramento per tutte le tappe che ci saranno in futuro”.

ITALIA IN COMUNE, CI SONO!Ieri sera, durante i lavori dell'assemblea regionale che ha eletto il mio amico Rosario Cusmai Coordinatore, ho aderito al movimento politico Italia In Comune. Sono un sindaco convintamente civico e per questo ho scelto la casa dove, insieme ad altri colleghi amministratori, potrò costruire un futuro migliore per la nostra Puglia e la nostra Italia. Un grazie sincero all'amico sindaco di Bitonto Michele Abbaticchio per avermi invitato in questa meravigliosa famiglia. Avanti tutta✌️✌️

Pubblicato da Francesco Crudele su Martedì 26 marzo 2019

Durante l’assemblea dei referenti locali, che si è svolta a Bitonto è stato ufficializzato l’ingresso, oltre di Francesco Crudele, Sindaco di Capurso, anche di Rosario Cusmai, consigliere comunale di Foggia e vicepresidente della provincia. Assieme a loro ha aderito ufficialmente anche l’assessore di Trani, Tommaso Laurora.

L’assemblea di lunedì ha ridisegnato anche l’assetto delle cariche rappresentative: Cusmai sarà il nuovo coordinatore regionale, e prenderà il posto di Abbaticchio, il quale resta componente del direttivo pugliese, ma fresco di nomina alla vice direzione nazionale. Suo vice, da oggi, il primo cittadino di Acquaviva delle Fonti, Davide Carlucci che, a sua volta, ‘lascia’ l’incarico di presidente provinciale per Bari a Tommaso Depalma, sindaco di Giovinazzo. La presidenza regionale è stata assegnata, invece, al vice presidente della Giunta Regionale, Antonio Nunziante. Vicepresidente regionale di “Italia in comune” sarà, invece, l’assessore Tommaso Laurora. A Taranto, infine, neo-eletto presidente provinciale è Armando Grassi.

Il partito è nato nel 2017 per mano e volontà di Federico Pizzarotti, Sindaco di Parma, attualmente Presidente Nazionale, ex parte attiva del Movimento 5 Stelle.

Coordinatore nazionale di “Italia in Comune”, invece, è il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci, che in molti ricorderanno ospite della passata edizione della manifestazione organizzata dal Comune di Capurso Sindaci ai Fornelli.

Crudele aderisce formalmente ad un partito politico per la prima volta da quando è sindaco, dal 2010, seppur in passato abbia militato per diversi anni nell’allora Alleanza Nazionale di Gianfranco Fini. Successivamente, nel 2005, è stato eletto con Giuseppe De Natale Sindaco consigliere comunale, espressione della società civile in una compagine di centro sinistra. A seguito di quella elezione ha ricoperto l’incarico prima di Assessore alla Polizia Municipale e poi ai Lavori Pubblici.

Elena De Natale