A Capurso il Festival del cortometraggio scolastico ‘Ciakkiamoci’

0
22

“Ciakkiamoci a Capurso” . È il titolo della I edizione del Festival del cortometraggio scolastico, con la direzione artistica di Giuseppe Massarelli, realizzata in collaborazione con la Creative Intelligence e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Capurso. La rassegna ha coinvolto i due Istituti Comprensivi capursesi, entrambi a orientamento musicale, il “San Domenico Savio” e il “San Giovanni Bosco”. Tra i finalisti sono stati premiati, con una targa, un attestato e una videocamera o una macchina fotografica digitale, i cinque cortometraggi giudicati dai ragazzi delle nostre scuole per ogni sezione di gara prevista. Per la Scuola dell’Infanzia e Primaria il premio è andato al cortometraggio “Risparmiare Energia non è un Sogno” dell’Istituto Comprensivo “Resta – De Donato Giannini” – Turi (BA). Per la Scuola Secondaria di I° grado è stato premiato l’Istituto “Don Milani” – Rivalta Torinese (TO), con il cortometraggio dal titolo “Insuperabili”. Per la sezione della Scuola Secondaria di II° grado, il premio come miglior cortometraggio è andato a “La cosa giusta da fare” del Liceo Scientifico Statale “Don Carlo La Mura” – Angri (SA). A sottolineare l’importanza della musica in questo contesto la serata è continuata con un intermezzo musicale presentato da ragazzi percussionisti e ancora con la consegna di riconoscimenti: il Premio Simpatia è andato a “Junk food” mentre quello per la Menzione Speciale al corto “Anna bello sguardo”. “Il festival, che nella sua denominazione richiama al ciak, strumento che da il via alle riprese, e all’espressione, tipicamente locale, per dire “ci vediamo”, intende appunto affermare il messaggio di incontrarsi e fare ritrovare bambini e adolescenti alle prese con storie raccontate per immagini e video.” Con queste parole viene presentata la rassegna sul sito dedicatale, con la certezza che questo sia solo l’inizio di una splendida iniziativa che possa continuare a crescere e a far pensare facendo ‘vedere’ anche attraverso un cortometraggio.

Teresa Campobasso

© Riproduzione riservata