28 Maggio

0
16

Sabato 28 maggio 2011

S. EMILIO M. , S. ERCOLE
(148/217) Settimana n. 22 – Segno zodiacale: Gemelli
Il sole sorge alle 4.41 e tramonta alle 20.03 – Durata del giorno (hh.mm): 15.22 – Durata della notte (hh.mm): 8.38

Auguri a/nati oggi:

– Ian Fleming (1908) scrittore (James Bond);
– Rudolph Giuliani (1944) politico americano, Sindaco di New York;
– Chiara Mastroianni (1972) attrice;
– Elenoire Casalegno (1976) attrice – conduttrice Tv.

Proverbio del giorno:

– A goccia a goccia si fa il mare.
– IN DUBIS ABSTINE (Nelle situazioni ambigue astieniti).

Appuntamenti:

Farmacie aperte:

Indellicati – Via Madonna del Pozzo, 178 – Tel. 0804551137
Mainardi – Via Torricella, 101 – Tel 0804551493
Massafra – Via Casamassima, 18 – Tel. 0804559212

Benzinai aperti:

AGIP – Largo S. Francesco
API – Via Casamassima
ERG – Via Bari
TAMOIL – Via Noicattaro
TOTAL – Via Epifania

Numeri utili:

112 – Carabinieri
113 – Polizia
115 – Vigili del fuoco
117 – Guardia di Finanza
118 – Emergenza Sanitaria – Servizio di Urgenza ed Emergenza Medica (S.U.E.M.)
0805483111 – Vigili del Fuoco Bari
800096496 – AQP Acquedotto Pugliese
800900999 – GAS
800752233 – ENEL
0804551124 – COMUNE DI CAPURSO – Centralino
0804551014 – Polizia Municipale
0804553017 – Biblioteca comunale
0804551301 – Carabinieri Stazione di Capurso
0804553385 – GUARDIA MEDICA CAPURSO
0804558311 – UFFICIO POSTALE CAPURSO
0804553572 – STAZIONE FERROVIARIA SUD-EST CAPURSO
0804672460 – ECOLOGICA PUGLIESE – Rifiuti Ingombranti
SCUOLE:
0804553697 – Materna COLLODI
0804554744 – Materna RODARI
0804553153 – Materna MONTESSORI
0804551334 – Materna MADRE TERESA DI CALCUTTA
0804551153 – Elementare SAN DOMENICO SAVIO
0804551074 – Elementare SAN GIOVANNI BOSCO
0804551100 – Media GENNARO VENISTI
0804552013 – Media GENNARO VENISTI (SUCCURSALE VIA MAGLIANO)
CHIESE:
0804551511 – SS. SALVATORE
0804551438 – S. FRANCESCO DA PAOLA
0804551126 – BASILICA SANTA MARIA DEL POZZO
FARMACIE:
0804551137 – Indellicati – Via Madonna del Pozzo, 178
0804551493 – Mainardi – Via Torricella, 101
0804559212 – Massafra – Via Casamassima, 18
LIBRERIE:
0804550784 – La Sapientia – Via Madonna del Pozzo 43 – www.lasapientia.it

Accadde oggi

– 1974 – Una bomba esplode in Piazza La Loggia a Brescia. Muoiono 6 persone, molte vengono ferite. Le indagini si rivolgono verso ambienti dell’estrema destra;
– 1976 – Fischiato dalla platea durante un comizio il deputato del MSI Sandro Saccucci spara in aria. Mentre si allontana suoi seguaci esplodono altri colpi dalle auto in corsa uccidendo un giovane e ferendone un altro: 
– 1978 – Muore il musicista e direttore d’orchestra Enrico Simonetti;
– 1980 – Un commando di terroristi di Prima Linea uccide a Milano il giornalista Walter Tobagi.

Ricetta del giorno

TIELLA:
Ingredienti:
400 g di patate, 200 g di riso, 700 g di cozze, aglio, cipolla, pomodori freschi rossi, pecorino grattugiato, olio extravergine d’oliva, prezzemolo, sale, pepe.
Preparazione:
Sul fondo di una teglia dai bordi alti e ben oliata disporre un po’ di cipolla affettata e qualche pomodoro sfilettato. Coprire con uno strato di patate sbucciate e affettate, spolverizzare con pecorino e quindi mettere uno strato di riso crudo, ma bagnato e ben scolato. Sul riso poggiare le cozze aperte a metà (dopo avere ben spazzolato e lavato i gusci), qualche pezzo di pomodoro sfilacciato e qualche fettina di cipolla.
Spruzzare con altro pecorino e un po’ di pepe. Coprire con un altro strato di patate, condirlo e proseguire con il riso e le cozze a strati finché la teglia sarà colma. L’ultimo strato, che deve essere di patate, va abbondantemente cosparso di pecorino, pepe e pane grattugiato; su tutto va versato un filo d’olio. Aggiungere infine, versandola in modo da non guastare il composto, un po’ d’acqua leggermente salata. Cuocere in forno preriscaldato a 180 °C per circa tre quarti d’ora

Lo sapevi che

PERCHE’ SI FA’ LA LINGUACCIA IN SEGNO DI DERISIONE
Il gesto, praticamente diffuso in tutto il mondo, deriva da un comportamento dell’infanzia: il bambino piccolo apprende rapidamente che il modo più efficace per rifiutare il cibo offertogli è tirare fuori la lingua, irrigidendola, impedendo così di essere imboccato. Da segnale generico di rifiuto, dunque, a gesto di derisione e insulto verso chi ci sta di fronte, il passo è stato breve.