L’Orsa del Basket cala il primo asso

0
73

Una bella presenza di pubblico al PalaLivatino, tra trombe e tamburi locali ma soprattutto carovignesi, fa da cornice ai dieci tesissimi duellanti in campo per l’esordio in questi play-off tanto attesi e che fanno da esame finale ad una lunga stagione. Coach Angelilli schiera il miglior quintetto con Nicola Fanelli, Davide De Lorenzo, Vincenzo Lorusso, Cosimo Mandurino e Gigi Giuliani. Tanta esperienza in campo, ma che da subito riperde il capitano per l’ennesimo risentimento muscolare. In campo Stefano Lessa che, pur in completa emergenza, costruisce il capolavoro giornaliero che lo porta ad essere il miglior realizzatore del match. Dopo un primo quarto chiuso in sostanziale parità, il secondo fa saltare il banco con i nostri che staccano gli uomini di coach Monna, portandoli alla pausa lunga sul 37 a 22. Qui iniziano i problemi, con gli animi che si riscaldano e finiscono per rovinare il clima positivo di inizio gara, con i viaggianti che prima perdono due pedine per somma di falli tecnici antisportivi e due espulsioni, una per parte, che fanno pendere definitivamente il risultato per i nero-orange. Sull’altro match della giornata, Pulsano prevale nettamente tra le mura amiche sul Fidens Giovinazzo, prossimo avversario che i Black Bears incontreranno questa domenica nella città adriatica, in un altro match tutto da decifrare e che potrebbe iniziare a dare anche qualche primo verdetto.

ORSA CAPURSO – BRIO SERVICE CAROVIGNO 85-51
(12-10; 25-12; 20-9; 28-20)
ORSA CAPURSO: Barba 4, De Lorenzo 15, Fanelli N., Gelao 12, Giuliani 6, Lessa 17, Lorusso M. 10, Lorusso V. 4, Mandurino 11, Martinelli 6. 1°All.: Vito Ales

sandro Angelilli
ARBITRI: Mario Stanzione e Gianluca Balice di Molfetta

Il Palazzetto dello Sport di via Tenente De Ceglie in Giovinazzo, saranno impegnati i Black Bears dell’Orsa Capurso – inizio ore 18:30 – contro la Fidens Giovinazzo per la seconda giornata dei play off promozione, con la direzione degli arbitri Maurizio Ceo e Deborah Fiorentino di Bari.

Giuseppe Lonero

© Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here