Al Castello Svevo di Bari, Capurso presenta il maestro Vito Giovannelli

0
84

Il 18 novembre alle ore 18 verrà inaugurata al Castello Svevo di Bari la mostra “Vito Giovannelli incisore da Capurso” organizzata dal Comune di Capurso in collaborazione con il Polo Museale della Puglia.

La mostra si pone come omaggio di Capurso, città natale di Vito Giovannelli, all’importante carriera artistica di questo eccellente interprete dell’arte della xilografia e delle tecniche grafiche.

Vito Giovannelli nasce a Capurso, il 25 ottobre del 1933, e deve la sua fama artistica al maestro Francesco Copersino tra i primi a scoprire il talento e le sue qualità grafiche dell’artista concittadino. Ha iniziato la sua carriera come allievo a Bari del pittore Umberto Colonna, del tipografo Corrado De Bari e del litografo Dario del Monte. Trasferitosi a Napoli, dove completa gli studi, perfeziona la sua formazione in Germania, a Monaco di Baviera, apprendendo le tecniche di realizzazione di mosaici e vetrate al seguito del maestro Joseph Meyer. Rientrato in Italia, Giovannelli vince il concorso a cattedra presso il Ministero della Pubblica Istruzione e diviene docente nelle scuole medie statali di Pianella, Moscufo, Francavilla al Mare e Pescara. L’artista si distingue per una didattica innovativa e personalizzata, che mette in atto attraverso l’impiego di un libro di testo scritto personalmente (in collaborazione con la moglie). La sua tendenza a insegnare il disegno attraverso la copia dal vero di capitelli, piedritti, archivolti, cornicioni, trova spesso realizzazione materiale nella chiesa di Santa Maria del Lago a Moscufo. Il maestro affianca l’attività didattica a una instancabile produzione artistica che si esprime soprattutto nell’incisione di ex libris e nell’illustrazione in genere, ma anche nei settori meno noti della filatelia, della marcofilia e della medaglistica.

La mostra barese presenta per la prima volta opere originali di Vito Giovannelli dedicate alla sua amata terra di origine e ai temi a lui più cari, che rivengono dalla collezione del Comune di Capurso e da alcune collezioni private; tra le opere esposte spicca una preziosa serigrafia, numerose xilografie e una selezione di ex libris.

È per me un grande onore – afferma Francesco Crudele, Sindaco di Capurso – rendere omaggio, a nome della città, all’artista e amico Vito Giovannelli. Tante volte nel passato ci siamo sentiti e visti e sempre lui ha sottolineato il profondo legame che lo lega alla nostra terra. Conosco il suo sogno di raccogliere a Capurso buona parte della sua produzione artistica in un Museo d’arte che, proprio per la peculiarità delle opere del Maestro, costituirebbe un “unicum” in Italia. Siamo pronti a raccogliere questa sfida. Ma intanto gustiamoci appieno questa Mostra che presto sarà replicata nella nostra Capurso”.

La Mostra, realizzata per volontà del Comune di Capurso con un gruppo di lavoro coordinato dal dott. Mario Costantini (Presidente del Consiglio Comunale) e dall’instancabile Umberto Rizzo (storico locale) sarà inaugurata dal Sindaco Francesco Crudele alla presenza del maestro Vito Giovannelli, sabato 18 novembre alle ore 18.00 e potrà essere visitata durante l’orario di apertura dal 18 al 25 novembre 2017. Successivamente sarà allestita nella Biblioteca comunale “D’Addosio” di Capurso.

La nostra redazione è orgogliosa di questo importante evento e ringrazia tutti i promotori. Abbiamo sempre cercato sulle nostre pagine di promuovere e portare a conoscenza della comunità le opere e la storia del nostro illustre concittadino che mai ha dimenticato la sua amata Capurso. Invitiamo la cittadinanza a partecipare.

© Riproduzione riservata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here